Appartamento uso turistico
di Emiliano e Rosita a Viterbo

Prenota la tua vacanza nel cuore di Viterbo, la capitale della Tuscia!

3459732031-3332234231

appartamento@welovetuscia.it

info@welovetuscia.it

via Orologio Vecchio 21 - 01100 Viterbo

Appartamento uso turistico
di Stefania ed Elisa di Pitigliano

Prenota la tua vacanza a Pitigliano tra la Tuscia e la Maremma Toscana!

3921507601

stefania.gvn@gmail.com

via Luigi Pavolini 10 - 50187 Pitigliano

Il conclave più lungo della storia della Chiesa

10 Cose da fare a Viterbo Il Palazzo dei Papi Viterbo - conclave più lungo della storia

Il conclave più lungo della storia della Chiesa

Più di otto secoli fa avvenne a Viterbo quello che verrà ricordato il primo, e più lungo, conclave della storia della Chiesa. Durato tre anni (esattamente 1006 giorni) si risolse con l’elezione di Tebaldo Visconti, un arcidiacono di Liegi che era in Terrasanta per la Crociata, e che assunse il nome pontificale di Gregorio X. Fu proprio Gregorio a pubblicare la nuova costituzione apostolica “Ubi periculum” al Concilio di Lione che stabiliva regole ferree per il Conclave.

Il conclave più lungo della storia: gli antefatti

Il conclave più lungo della storia iniziò con la morte di Clemente IV il 29 settembre 1268. Il collegio cardinalizio era diviso in due fazione: da una parte i guelfi e dall’altra parte i ghibellini, in numero praticamente uguale; non solo, i cardinali erano ulteriormente divisi all’interno delle loro fazioni a causa dell’appartenenza a diverse famiglie e questo rendeva difficile qualsiasi tentativo di accordo per eleggere il nuovo papa.  In realtà, sono stati due i nomi che avevano avuto un consenso necessario, stiamo parlando di Filippo Benzi che rifiutò andando a chiudersi in una grotta sul monte Amiata e Bonaventura da Bagnoregio già successore di San Francesco come generale dell’Ordine Francescano.

Il conclave più lungo della storia: la scelta

La città non ne poteva davvero più: dato che il mantenimento del Collegio Cardinalizio spettava alla popolazione locale, il Capitano del Popolo Raniero Gatti e il Podestà Alberto di Montebuono, il primo Giugno del 1270 ordinarono l’immediata chiusura delle porte della città così come del Palazzo dei Papi, luogo dove si stava svolgendo l’interminabile conclave (da qui nacque il nome conclave, dal latino cum-clavis, chiuso a chiave). Dopo qualche giorno fu deciso di ridurre il cibo e di scoperchiare la grande sala cercando di convincere, in questo modo, i cardinali a nominare il nuovo Vicario di Cristo. Dopo un anno fu nominata addirittura una commissione che scelse Tebaldo Visconti solamente dopo…due ore! Ancora oggi è possibile il luogo del conclave più lungo della storia: si trova in piazza San Lorenzo nel cuore di Viterbo a pochissimi passi dal Duomo.

 
Translate »