We Love Tuscia
Portale Turistico di Viterbo e Pitigliano
www.welovetuscia.it
appartamento@welovetuscia.it
pitigliano@welovetuscia.it
Viterbo – 3459732031
Pitigliano – 3921507601

We Love Tuscia ha l’obiettivo di far conoscere la Tuscia in tutti i suoi aspetti. Viterbo e Pitigliano per la prima volta vicini con l’obiettivo di valorizzare uno dei territori italiani più belli!

La ricetta dell’Acquacotta

Una ricetta della tradizione maremmana e non solo...
We Love Tuscia / Cucina  / La ricetta dell’Acquacotta

La ricetta dell’Acquacotta

L’acquacotta è una zuppa particolarmente nota nella tradizione toscana e viterbese che rimanda ai tempi in cui contadini, pastori e tutte le persone che svolgevano lavori di fatica non si potevano permettere un pranzo luculliano. Per questo si prendeva quello che c’era a disposizione e lo si trasformava in una ottima minestra, povera sì, ma ricca di nutrienti.

Ingredienti:

Pomodori perini 400 g
Sedano 200 g
Bietole 200 g
Cipolle bianche 300 g
Pecorino 30 g
Uova 4
Brodo vegetale 1 l
Olio extravergine d’oliva q.b.
Timo q.b.
Sale fino q.b.
Pepe nero q.b.

Ingredienti per il pane tostato

Pane casereccio 4 fette
Olio extravergine d’oliva q.b.
Rosmarino q.b.
Sale q.b.

Preparazione dell’acquacotta

La base di una buona acquacotta è il brodo vegetale. Una volta preparato va tenuto in caldo. Prendere i pomodori, sbollentarli e togliere la pellicina. Scolare i pomodori e metterli in una ciotola con acqua fredda, pelarli e tagliarli in quattro cubetti. Passiamo al sedano, da tagliare in fettine sottili così come anche la cipolla le bietole.

Si soffrigge la cipolla con un filo di olio, si aggiunge del brodo vegetale e si lascia cuocere fino a che la cipolla non assumerà una consistenza morbida. Aggiungere il sedano alla cipolla e versare ancora un po’ di brodo vegetale e lasciare cuocere fino a quando il sedano sarà morbido. A questo punto non ci resta che aggiungere il pomodoro lasciato da parte.

Aggiungere ulteriore brodo vegetale, unire le bietole, il tino, il sale, il pepe e altro brodo vegetale. Coprire la casseruola per venti minuti a fuoco medio. Togliere il coperchio e lasciare cuocere per altri dieci minuti per fare in modo che la minestra si amalgami con tutti gli altri sapori.

Adesso ci si occupa del pane: si prende la pagnotta, si fanno delle fette, si mettono sulla teglia con olio sale e rosmarino e si mettono in forno fino a quando non diventano una…bruschetta. Riprendere la casseruola e rimetterla sul fuoco. Quando la minestra risulterà calda si spegne la fiamma e si aggiungono 4 uova.

A questo punto non ci resta che mangiare! Si versa un bel mestolo di acquacotta e un uovo e, per finire, un goccio di olio di oliva a crudo del pepe nero e del pecorino grattugiato. L’acquacotta deve essere servita ben calda e con delle fette di pane bruscato.

Buon appetito!

Foto tratta da Oggi.it

Translate »